x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
logoToBeVerona facebookToBeVerona twitterToBeVerona instagramToBeVerona youtubeToBeVerona
IT
EN
forumToBeVerona
Blog
29/11/2018

Vinitaly porta le eccellenze italiane in Russia e Cina

Il grande successo del Vinitaly di Veronafiere sta portando gli organizzatori ad internazionalizzare la manifestazione per comunicare e accrescere il successo del vino Made in Italy nel mondo. Questo mese di novembre ha visto infatti una presenza di Vinitaly sia in Cina - ad Hong Kong - che in Russia con una doppia tappa fra Mosca e San Pietroburgo.

Da giovedì 8 a sabato 10 novembre Vinitaly è stato protagonista all’International Wine & Spirits Fair di Hong Kong. Più di 100 aziende vitivinicole italiane hanno esposto i loro prodotti negli 800 mq dedicati al Padiglione Italia, nel quale i visitatori hanno potuto degustare vini doc come il Valpolicella e l’Amarone di Verona, ma anche il Montepulciano, rossi dell’Etna e tante altre denominazioni provenienti da tutto lo stivale. Il mercato della città asiatica è al settimo posto per spesa mondiale nel compartimento del vino, tuttavia per l’export italiano, Hong Kong occupa solo il 25 posto, risultando in calo rispetto allo scorso anno. La concorrenza con i vini francesi è forte, ma il Direttore Generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani, sottolinea come debba essere compiuto uno sforzo in questa direzione, per accrescere un mercato chiave: l’area del Sud-Est asiatico.

 

 

Il 19 novembre è stata inaugurata la 15a edizione di Vinitaly Russia, coinvolgendo le città di Mosca e San Pietroburgo. 43 cantine italiane, grazie alla collaborazione di Veronafiere con ICE-Agenzia e con l’Ambasciata italiana, hanno potuto incontrare importatori russi e distributori locali per ampliare il loro business nel mercato russo. Oltre agli incontri b2b che si sono svolti presso l’hotel Lotte a Mosca, il programma ha previsto anche degustazioni e eventi formativi organizzati dalla Vinitaly International Accademy. Negli ultimi dieci anni l’importazione di vini in Russia è raddoppiata e per i prossimi 5 anni è calcolata un’ulteriore crescita del 4,5%, rendendo l’esportazione vinicola verso questo paese un’opportunità per le cantine italiane.

Vinitaly non si pone solo l’obiettivo di promuovere vini italiani in Italia, ma grazie a queste iniziative, riesce a diffondere la qualità del Made in Italy anche in mercati vinicoli in via di sviluppo come quello cinese e russo. Questi eventi sono sempre più apprezzati nel mondo, accrescendo l’export del nostro Paese e migliorando la situazione economica di imprese agricole che prima operavano solo a livello provinciale o regionale.

 

 

Dal 7 al 10 aprile 2019 tornerà Vinitaly a Veronafiere per il consueto salone annuale che permetterà ad appassionati e addetti ai lavori di degustare e acquistare vini provenienti da tutte le regioni d’Italia. Nell’attesa non ci resta che stappare e gustarci una bottiglia di buon vino italiano. Cin cin!

To Be Verona - Lungadige Galtarossa, 21 - 37133 Verona - info@tobeverona.it
To Be Verona è un progetto ASSIMP
assimpToBeVerona Project Management
terzomillenniumToBeVerona
Privacy Policy - Credits: Future Smart