x
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
logoToBeVerona facebookToBeVerona twitterToBeVerona instagramToBeVerona youtubeToBeVerona
IT
EN
forumToBeVerona
Blog
04/02/2016

Il Carnevale di Verona nella storia


Sapevi che il Carnevale veronese è uno dei più importanti d’Italia? Si tratta, infatti, di una tradizione molto popolare ed antica, la cui nascita non è ancora stata individuata con precisione. L’ipotesi più accreditata la fa risalire al 1531, anno in cui in città imperversava una terribile carestia. Secondo la “Istoria di Verona” di Gerolamo Dalla Corte, il conseguente aumento dei prezzi di farina e grano aveva provocato un tumulto nel quartiere di San Zeno, che fu sedato solo grazie alle donazioni di alcuni cittadini benestanti. La tradizione popolare ritiene che tra questi vi fosse anche il medico Tomaso Da Vico, che perpetuò l'iniziativa disponendo nel suo testamento che ogni anno fossero distribuiti ai più poveri burro, farina e formaggio: gli ingredienti per preparare gli gnocchi. Da qui i nomi “Bacanal del Gnoco”, con cui si indica la festa nel suo complesso, e  “Venerdì Gnocolar”, giornata in cui gli gnocchi venivano serviti alla popolazione sulla cosiddetta “pietra del gnocco”, accanto alla basilica di San Zeno, e in cui ancora oggi il “Papà del Gnoco” o Papà Gnocco sfila per le vie della città, donando caramelle ai bambini e il consueto  piatto di gnocchi agli adulti.
 

Papà del Gnoco è il re del Carnevale di Verona ed è considerato la maschera più antica d’Italia e d’Europa. Rappresenta il quartiere di San Zeno, ed è un personaggio davvero particolare: tra le mani, infatti, tiene uno scettro dorato a forma di forchetta, in cui è infilzato uno gnocco. Negli anni, nonostante le guerre e le dominazioni straniere, la tradizione non si è mai fermata e nuove maschere si sono aggiunte per rappresentare anche gli altri quartieri della città. Ad esempio troviamo il nobile “Duca della Pignata”, che il lunedì grasso sfila per il quartiere Santo Stefano, oppure “El principe Reboano de la concordia”, con la sua regata storica lungo l’Adige l’ultimo sabato di Carnevale.
 

Tra sfilate, buon cibo e tanti eventi, ancora oggi dopo circa 500 anni, i veronesi celebrano il Carnevale con gioia ed entusiasmo. Cosa aspetti? Vieni a festeggiare con noi!
 
To Be Verona - Lungadige Galtarossa, 21 - 37133 Verona - info@tobeverona.it
To Be Verona รจ un progetto ASSIMP
assimpToBeVerona Project Management
terzomillenniumToBeVerona
Privacy Policy - Credits: Future Smart